A leggere il quesito con cui è stato messo al voto su Rousseau il sostegno al “governo dei migliori” si avverte un certo disagio. Come dire di no a un ministero della “transizione ecologica”, se si milita in un movimento che ha l’ambiente tra le sue stelle? I quesiti semanticamente manipolatori non sono una novità, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Si trattava di scegliere tra due trappole, ma è meglio il sì

prev
Articolo Successivo

il paradosso dei contrari che adesso passano per traditori

next