Ci sarà un secondo giro di consultazioni, perché è ancora presto per sciogliere tutti i nodi sul tavolo: dal “perimetro” della maggioranza alla composizione del governo (modello Dini 1995, con ministri tecnici o modello Ciampi, metà politici e metà tecnici?), agli eventuali ingressi. A sera la conferma arriva anche dallo staff del premier incaricato, Mario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Il bipolarismo, lingua in bocca e le comunali

next