Sergio Mattarella non ha scelto solo un non-politico di alto profilo che potesse coordinare un governo di unità nazionale. Non ha scelto solo l’“italiano più famoso nel mondo” cui un coro imbarazzante eleva da giorni una servile salmodia. No, ha scelto il simbolo dell’establishment internazionale che ha governato il mondo negli ultimi decenni, plasmandolo per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Da Ciampi a Draghi, siamo di nuovo all’“ultima spiaggia”

next