La variante inglese del Sars-Cov-2 fa paura, come paura fanno quelle spagnola, svizzera, croata, balcanica, sudafricana, brasiliana e statunitense. Non saranno le ultime (nel mondo, dall’inizio della pandemia, ne sono state individuate circa dodicimila) come non sono state le prime. In Italia, per esempio, abbiamo avuto la “lodigiana” e la “bergamasca”, se così ci è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Astrazeneca gela l’Italia: 4,6 mln di dosi in meno Conte: “Contratti violati”

prev
Articolo Successivo

“La variante inglese non è così letale, BoJo nasconde errori suoi”

next