L’intronazione di Joe Biden ha due aspetti positivi importanti in relazione fra loro che non riguardano la circostanza, che ha fatto ululare di gioia le femministe, che il vicepresidente sia una donna, Kamala Harris, perché in tema di relazioni internazionali, le leader politiche americane non sono meno guerrafondaie degli uomini, basterà ricordare che Madeleine Albright […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Sette motivi per cui Renzi è il re dei “voltagabbana”

prev
Articolo Successivo

Cesa, la pasionaria cattolica Binetti e il Recovery fund

next