Vuole e deve accelerare, chiudere la partita della nuova maggioranza entro sette, massimo dieci giorni. Con un rimpasto, ma senza un Conte ter, cioè senza le sue dimissioni. E vuole segnali concreti di vita, dal suo governo. “Ora dobbiamo fare la differenza”, scandisce il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante il breve vertice con i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Costruttori nel pantano: il Psi non cede il simbolo

next