“Stiamo facendo il programma, stiamo facendo una cosa snella”. Francesco Pisano è un dentista di Rosarno. Già condannato negli anni 90 nel processo “La mafia delle tre province”, per la Dda di Reggio Calabria è un pezzo da novanta dell’omonima cosca chiamata dei “diavoli”. È lui quello che, secondo il procuratore Giovanni Bombardieri, si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mail box

prev
Articolo Successivo

Marogna, Vaticano “No a estradizione”. Ma la processa

next