Credo di non essere il solo a considerare il direttore de La Stampa, Massimo Giannini, un giornalista autorevole, oltreché una eccellente persona (un abbinamento non così frequente nel nostro mestiere). Ritengo perciò di avere condiviso con altri l’allarme suscitato dal suo editoriale domenicale sul presunto “network” che farebbe capo al premier Giuseppe Conte, messo in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Di Lorenzo (Die Zeit): “In Germania non ci si capacita della crisi italiana: Renzi ha pensato a sé, non al Paese”

prev
Articolo Successivo

Va sottolineato ancor di più: è criminoso perdere tempo adesso

next