La notizia più importante è che il Recovery plan esiste. Anzi, per utilizzare il suo vero nome, il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza. Non era scontato. E non perché, come tanta stampa ama ripetere, è stato scritto “con il favore delle tenebre”. La discussione è stata invece abbastanza aperta e, infatti, le misure previste […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Fine del patto con gli italiani: è liberi tutti

prev
Articolo Successivo

Bonus per i ristoratori, il flop della misura targata Bellanova. Decreto attuativo in ritardo e i pagamenti devono ancora arrivare

next