Si vedevano già protagonisti. Convocati ai vertici di maggioranza. Qualcuno nutriva pure ambizioni da ministro. Chissà. Tutto a un certo punto pareva possibile. Poi a infrangere i loro sogni è arrivato Matteo Renzi, che ha ritirato i ministri mettendo forse la parola fine al governo, ma lasciando aperta la porta a un nuovo esecutivo con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

E matteo distrugge l’auditel di rai3

prev
Articolo Successivo

Panico tra i peones renziani: “Quindi ora che facciamo?”

next