Le chiamano le “colleuses”, le “incollatrici”. Armate di secchi di colla da manifesti, spazzoloni e pennelli da imbianchino, una sessantina di giovani donne si sono date appuntamento domenica scorsa, in rue Bouvier, a Parigi, nell’11mo arrondissement, per incollare ai muri di un sottopassaggio, al riparo dalla pioggia, i nomi delle 111 donne vittime di femminicidio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Tongass, la foresta intatta più grande del Mondo minacciata dalla sete di Trump

prev
Articolo Successivo

Il clima nelle mani di Biden (e del Senato): così i dem Usa possono aiutare la Terra

next