Il 2020, si sa, ha segnato il de profundis per la cosmologia dei concerti e di tutti gli altri grandi, o piccoli, eventi dal vivo. E non poteva essere altrimenti. Adesso, certo, sta arrivando la vaccinazione di massa, ma occorrerà del tempo, e resta perciò massima la confusione sotto il cielo del rock e dintorni. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“La virtù è un’arancia poco spremuta”, dice l’Oracolo

prev
Articolo Successivo

Metti Tolstoj a sparlar di mogli

next