Si chiama “l’aliquota di riserva”, l’elenco di operatori sanitari che hanno manifestato la volontà di sottoporsi alla vaccinazione e che siano rapidamente reperibili qualora a fine giornata dovessero avanzare delle dosi di vaccino anti-Covid (che deve essere dunque iniettato entro sei ore). Alcune Asl queste liste le hanno già create, altre devono farlo. L’obiettivo è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Il piano pandemico non è solo sanitario. Ma la bozza va bene”

prev
Articolo Successivo

Ogm – Il Parlamento sia trasparente e non accetti le nuove direttive Ue

next