Guido Maria Brera è uno di quelli che fanno ricchi i ricchi. Non contentandosi, immagina che il suo mestiere di finanziere debba anche renderli un po’ felici nella supposizione che la felicità poi transiti, per effetto dell’alta marea benestante, verso il resto del mondo. E così scrive romanzi e intesse trame di modo che la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dovevano rientrare in 3,6 milioni: solo 220mila tra i banchi

prev
Articolo Successivo

Negazionisti. “La balla del golpe a Capitol Hill”: i cattolici di destra in difesa dell’amato Donald

next