In ogni occasione solenne Papa Francesco invoca, come da ragione indotta, la pace e deplora i tantissimi conflitti in atto nel mondo. Cita la Libia, la Siria, l’Iraq, la Somalia, lo Yemen, il Sudan, con un po’ più di prudenza la Palestina, e di recente il conflitto apertosi per il Nagorno Karabakh. Ma non nomina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Astrologi scettici, vampiri e ghiaccioli: 25 scuse per Conte sul Recovery

prev
Articolo Successivo

Piersanti Mattarella, 41 anni di omertà, ma pure di antimafia

next