Per evitare una crisi al buio – Matteo Renzi ritira le due ministre e in Parlamento sfiducia il premier Giuseppe Conte senza conoscere il dopo – sono scesi in campo i pontieri. Ma al posto della corrente della Democrazia Cristiana di Cossiga e Taviani che alla fine degli anni Sessanta faceva da “ponte” tra la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Povero Giulio, dopo il padel, le vacanze

prev
Articolo Successivo

“Renziani, non siate irresponsabili”

next