Quando il Concerto di Capodanno nacque, nel 1939, a opera del grande Clemens Krauss, era già qualcosa di assolutamente anacronistico. Si pensi al cupo anno d’inizio. Esso era una celebrazione della gioia: della gioia insita nella musica di Johann Strauss e dei suoi parenti, a cominciare dal padre. Musica di gioia, ma, per uno di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Miles, che con la tromba addomesticò la rivoluzione

prev
Articolo Successivo

Il sogno di folli genera “mostri”

next