C’erano ancora i resti di cibo, nelle pentole in coccio di quella che era una vera e propria tavola calda di Pompei ai tempi dell’eruzione: lumache, carne di capretto, una pietanza di carne e pesce. E poi i contenitori di fave per sbiancare il vino, il bancone a forma di elle, le illustrazioni, tra cui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Freddo post Natale. Il mondo è scosso dalle burrasche

prev
Articolo Successivo

Sequestrata e violentata la notte di Natale

next