Guarda chi si rivede. L’Avv., Prof., Granduff, Gaetano Pecorella riemerso l’altro giorno sulle colonne del Giornale. Per far che? Per attaccare la magistratura, prendendo spunto da un libro di Stefano Zurlo (anche lui del Giornale) intitolato Il libro nero della magistratura. Come avvocato, ma anche come qualsiasi cittadino, ne ha tutti i diritti. Però l’intervento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

I tempi dell’allattamento, Giacomo fratello di Gesù e i malanni di stagione

prev
Articolo Successivo

Per il “suocero” del premier nessuna norma ad personam

next