Se la guardava tutte le mattine, quando le passava di fianco. Quella casa a due piani, edificata nell’abuso, era sporcizia davanti al castello di Mussomeli, il suo paese, uno dei tesori della Sicilia interna. Era uno sfregio di cui nessuno se ne curava. Non l’amministrazione comunale, per decenni ignava come del resto ogni altra autorità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Superata la soglia dei 60 mila morti. Shopping e risse: violazioni ovunque

prev
Articolo Successivo

Sprechi. Il nuovo cardinale pupillo di Francesco si fa comprare il vestito dal Comune: 6mila euro

next