L’inedito

L’amico ritrovato: Hans, Zweig e lo spettro nazista

Escono in Italia le lettere dello scrittore austriaco al suo giovane pupillo: consigli letterari, ma soprattutto nere profezie sul futuro d’Europa. Ed è solo il 1921

5 Dicembre 2020

Muoiono entrambi suicidi, a distanza di quattordici anni l’uno dall’altro: mai amicizia fu più intensa e tragica di quella tra Stefan Zweig e Hans Rosenkranz, come si evince dalle Lettere che il primo scrisse al secondo tra il 1921 e il 1933, all’alba dello scempio nazifascista. Mai tragedia fu più annunciata. Riesumate quasi per caso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.