L'inchiesta

Il “sistema Trani”: così prendevano soldi gli ex giudici Nardi, Savasta e l’ispettore Di Chiaro

All'ex gip sono stati inflitti pochi giorni fa 16 anni e 9 mesi di carcere. Intanto sono state depositate le motivazioni della sentenza con la quale la giudice di Lecce Cinzia Vergine a luglio scorso ha condannato l'ex pubblico ministero a 10 anni di reclusione: ripercorrere quelle pagine serve a comprendere fino in fondo fino a che punto è stata sviata la funzione della magistratura per denaro, regali costosi e vantaggi personali

3 Dicembre 2020

Il progetto dell’ex gip di Trani Michele Nardi, condannato pochi giorni fa a 16 anni e 9 mesi di carcere, era “un vero e proprio programma delittuoso” con un obiettivo chiaro: “ricavare il più rilevante profitto possibile”. In quel progetto coinvolge l’ex pm di Trani Antonio Savasta, l’ispettore Vincenzo Di Chiaro e alcuni avvocati con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione