Senza pietà

Crudeli e violenti solo per divertirsi: la condanna della baby gang di Manduria

Due 19enni e un 23enne dovranno scontare 10 e 8 anni di carcere per aver torturato Antonio Stano, il 66enne di Manduria, in provincia di Taranto, che si è lasciato morire di stenti dopo anni di vessazioni. Le motivazioni della condanna parlano di “aggressioni immotivate, contegni sguaiati, vessatori e prevaricatori che andavano oltre l'inflizione della sofferenza fisica”

3 Dicembre 2020

“Aggressioni immotivate, contegni sguaiati, vessatori e prevaricatori che andavano oltre l’inflizione della sofferenza fisica avendo, invece, come scopo ulteriore quello di terrorizzare la vittima, di porla in una condizione di soggezione, di stranirla per alimentare il proprio divertimento”. Sono le parole con le quali il giudice Vilma Gilli ha descritto le spedizioni punitive organizzate dalla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione