L’ultima bomba l’hanno sganciata due ambasciatori il 16 novembre. In una riunione informale del Consiglio Ue hanno detto che i loro paesi, Polonia e Ungheria bloccavano il Recovery fund e il bilancio europeo 2021-2027 ponendo il veto alla clausola sul “rispetto dello Stato di diritto”, cioè la proposta di condizionare i fondi europei al rispetto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Conte litiga coi partiti sul Recovery

prev
Articolo Successivo

“Le decisioni non possono essere prese da funzionari e diplomatici”

next