Detesto poche cose al mondo quanto le raccolte di coniectanea, che in latino possiede una sfumatura di disprezzo non trascorsa nelle lingue romanze. In napoletano si tradurrebbe benissimo ‘o sacco d’‘a munnezza: tante cose andate a male, mille volte “riciclate” e raccolte alla rinfusa dando loro l’aspetto di un libro. Vi si dedicano soprattutto i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Bianca Berlinguer: “È solo Di Mare a stoppare Corona. Ma l’unica offesa sono io e l’ho già scusato”

prev
Articolo Successivo

Dopo 32 anni, la magia dei Pink Floyd arriva da “Delicate Sound of Thunder”

next