Dopo quattro anni di carcere nel più famigerato penitenziario di Teheran, il 47enne ricercatore iraniano naturalizzato svedese, Ahmadreza Djalali, ieri ha fatto una delle rare telefonate concesse alla moglie Vida. Non per aggiornarla sulle proprie condizioni di salute, compromesse dalla durissima detenzione e da un lungo sciopero della fame, né per annunciarle la liberazione, bensì […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La tundra siberiana affogata nel petrolio dall’amico di Putin

prev
Articolo Successivo

Gli investimenti di famiglia che imbarazzano il ministro

next