Per raccontare Roberto Calasso, 79 anni, cuore e anima di Adelphi, bisogna ricorrere alla figura mitologico-millenaria del serpente: quello che destò nell’uomo brama di conoscenza, ma più in particolare dell’Uroboro di matrice nietzschiana che si morde la coda e rappresenta l’energia universale che si consuma e rinnova di continuo, la natura ciclica delle cose, l’eterno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La favola buonista della maghetta J. K. Rowling

prev
Articolo Successivo

Giustizia e verità confinano col Male: l’esordio in giallo dell’ex pm Capaldo

next