In Procura a Reggio Calabria i magistrati non rilasciano commenti ufficiali. L’inchiesta è delicatissima, va avanti in silenzio da almeno tre anni. Se l’ipotesi degli investigatori si rivelerà corretta, Roberto Recordare finirà a processo con l’accusa di essere uno dei più grandi riciclatori di tutti tempi di denaro delle mafie. Un insospettabile capace di gestire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Quelle parole in chat: “Ricordati che Eni può distruggere chiunque”

prev
Articolo Successivo

“Addosso avevo 100 miliardi di bond e in aeroporto li ho buttati tra i rifiuti”

next