Una nuova testimonianza: un ex 007 ha rivelato di aver visto Giulio Regeni, il ricercatore ucciso in Egitto, nelle zone di interesse della National Security Agency, il servizio segreto interno egiziano, alla quale appartengono i cinque agenti indagati in Italia per sequestro di persona. È la nuova carta in mano ai magistrati capitolini che indagano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il limite dei mandati per i virologi in tv

prev
Articolo Successivo

Strage di Bologna, i pm: “Così Gelli finanziò i Nar e gli altri eversivi neri”

next