Donald Trump ha sempre il colpo a sorpresa in canna: dopo quella – rituale – del tacchino Corn, ecco, in coincidenza con il Thanksgiving, la grazia per il generale Michael Flynn, l’ex consigliere per la Sicurezza nazionale coinvolto nel Russiagate e reo confesso di avere mentito all’Fbi. E non finisce qui: altri perdoni e condoni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Di Marzio. Mi nascosi in bagno per non farmi fregare Diego

prev
Articolo Successivo

Consegne: a Biden le prime scelte, mentre Trump borbotta

next