Prigionieri inermi ammazzati a sangue freddo, prove false per coprire le esecuzioni efferate. Hanno fatto il giro del mondo le conclusioni del rapporto Brereton sui presunti crimini di guerra delle forze speciali australiane in Afghanistan, a cui si è arrivati grazie al lavoro della sociologa militare Samantha Crompvoets. Ma prima della galleria degli orrori del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dateci il vaccino anti-comparsate tv

prev
Articolo Successivo

Le nomine di Biden: tante porte girevoli e consulenze militari

next