“Nel mondo di Zaia non c’è spazio per la democrazia interna. C’è un controllo totale del territorio, delle nomine, dei posti di comando. E un rapporto inverosimile con tv e giornali locali, direttori compresi. Nessuno che sollevi dubbi o dia spazio a chi zaiano non è”. La voce autorevole, ma anonima, viene dal profondo Nordest […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La metà dei prestiti garantiti al Nord. Sud a rischio usura

prev
Articolo Successivo

L’amante ghiottone, la moglie vogliosa e le ochette arrosto

next