I familiari di uno dei killer del giudice Rosario Livatino percepivano illecitamente il reddito di cittadinanza. Stiamo parlando di Giovanni Avarello, che il 21 settembre 1990 faceva parte del commando che tolse la vita al “giudice ragazzino”, crivellandolo di colpi nelle campagne agrigentine. Avarello è stato condannato in via definitiva a 7 ergastoli per associazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Carceri, su 54 mila detenuti 782 positivi Bonafede: “Situazione sotto controllo”

prev
Articolo Successivo

Mafia, legittimo il divieto di rito di abbreviato

next