Nel 2012 la rivista americana Foreign Policyinserisce l’economista Luigi Zingales nell’elenco dei 100 pensatori più influenti al mondo. Accanto al suo – unici due italiani nella lista – c’è il nome di Mario Draghi. Non era scontato per nessuno annoverare Zingales tra i propri sponsor ma, nel novembre 2011, quando parte la sua scalata alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La lezione di Elkann (sui giornali di Elkann)

prev
Articolo Successivo

Renzi a pranzo da Romeo “Si parlò di Biden e Nato”

next