Come ho scritto l’altra volta? Le storie italiane ti arrivano da sole. Ti raggiungono anche in treno. Sono seduto su un lato del corridoio di un regionale veloce prima che scatti il lockdown. Sull’altro lato discute una giovane coppia, marito e moglie. Nel silenzio quasi spettrale senti tutto. Parlano di un figlio dal nome esotico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le vie del lockdown. Anziani da “rinchiudere” e Milano zona rossa (qualcuno se n’è accorto?)

prev
Articolo Successivo

Elogio di Haaland. Il giovane predestinato che scalzerà dal trono del gol CR7 e Messi

next