In principio i francesi li chiamavano arabi, appellativo che assume connotazioni peggiorative alla fine degli anni 70, producendo ingiurie come bicot o bougnoule. Poi gli arabi diventano islamici, o peggio islamo-fascisti se non prendono le debite distanze pubbliche dagli atti terroristici compiuti in nome di Allah. Dopo l’11 settembre il secondo epiteto si diffonde. Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Gigi, il lungo addio della Città eterna: “Era Roma, era noi”

prev
Articolo Successivo

Elvis? Un mito di Seneca. Che classici i maledetti del rock

next