Cè un mondo, fuori dal ministero, che da marzo in poi si è organizzato e ha costruito proposte per uscire dalla crisi. Si sono creati nuovi gruppi, come “Attrici e Attori Uniti”, “Art Workers Italia “o “Professione: Educatore Museale”, che nati nelle settimane del lockdown, chiedono sostegno economico e dignità per le rispettive professioni e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Musei e biblioteche, la cultura che rischia di restare indietro

prev
Articolo Successivo

Visco contro Patuelli ma a perderci siamo tutti noi

next