“Ovunque venga rinvenuta e presso chiunque”. Sei parole per dare inizio alla storia dei 49 milioni di rimborsi elettorali inghiottiti e scomparsi nelle casse della Lega, quella vecchia di Umberto Bossi e quella nuova di Matteo Salvini. In mezzo una indagine complicata, fatta perlopiù di analisi bancarie alla caccia di flussi finanziari quasi mai chiari […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il Csm blocca la nomina di Orlando al ministero. Era stata chiesta da Bonafede

prev
Articolo Successivo

L’Italia degli impianti che uccidono, dalla Ue 24 procedure di infrazione

next