“Matteo, i ristoratori e baristi non li gestiamo più”. E ancora: “Matteo come facciamo con i lavoratori dello spettacolo e delle palestre?”. Nemmeno il tempo che il premier Conte finisse di illustrare il nuovo Dpcm e Matteo Salvini si era già collegato via Zoom con i governatori e i sindaci leghisti. Una serie di riunioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Rispettiamo le misure e i contagi caleranno: lockdown arma finale”

prev
Articolo Successivo

Il giorno delle accuse: Renzi e parte dei 5S contro Pd e Speranza

next