Possedere un’auto elettrica sta diventando uno status symbol ambientalista. Tra i vari problemi dell’elettrico c’è però quello dell’approvvigionamento di risorse naturali per alimentare le batterie. L’industria dell’auto statunitense si affidava a multinazionali del petrolio che ne garantivano quantità crescenti a prezzi modici, anche grazie al controllo che Washington esercitava su aree “calde” dal Venezuela al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Tutto su Macquarie: i “canguri vampiri” di Aspi e Open Fiber

prev
Articolo Successivo

Telefono. Dal fisso al mobile, i big schiantano i rivali con mega tariffe. Una sentenza può cambiare tutto

next