Odiava viaggiare in aereo. Si spostava in treno o in nave, portandosi dietro la biblioteca personale. Ingegnosi bauli, con tanto di mensole per ordinarvi una quantità significativa dei 1.500 volumi che avevano formato la sua cultura. Tra questi, ne avrebbe scelti cento – non necessariamente i “preferiti” – che nel 2013, tre anni prima della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Cassoeula a distanza “Dad” di inizio ’900

prev
Articolo Successivo

La nuova Fiat 500 va “controvento” spinta dall’elettrico

next