Èun disegno di legge a cui il ministro dell’Ambiente Sergio Costa tiene particolarmente, in pratica, l’essenza del suo mandato. Ma ieri, atteso per la seconda volta in Consiglio dei ministri, per la seconda volta è rimasto fuori. Il motivo principale è che su “Terra Mia” non c’è accordo nella maggioranza, al punto che il presidente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Raggi dimostri di “saper fare” nell’emergenza

prev
Articolo Successivo

Sport, i tecnici contro la riforma

next