“Con tutti e due (quei giudici, ndr), che coprivano ruoli così importanti, non sarei mai potuta uscirne vittoriosa”. A parlare è Arianna Virgolino, l’agente della Stradale sospesa a tempo indeterminato – a tutt’oggi non ha mai ricevuto un licenziamento ufficiale – a causa di una cicatrice dovuta a un tatuaggio rimosso dal polso, prima di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Roma, scene di caccia al parco: la polizia abbatte i cinghiali, rivolta dei residenti

prev
Articolo Successivo

Il piano Roma dei “ribelli” M5S (a cominciare dallo Stadio)

next