Non è la prima volta che un caucasico versa sangue francese. Era schedato dall’intelligence di Parigi Khamzat Azimov, che, nonostante la sorveglianza assalì cinque persone e uccise un ragazzo di 29 anni a Parigi, nel 2018. Non era in alcuna lista nera invece il 18enne che ha decapitato l’insegnante vicino Parigi: Abdullah Anzorov, 18 anni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Chi uccide in nome della propria fede è solo un bugiardo

prev
Articolo Successivo

I cavalli nella vasca e lo scotch dei nazisti secondo Mel Brooks

next