“Quello che Dio ha congiunto l’uomo non separi”: è il 19 giugno del 2005, Francesco Totti è all’altare con Ilary Blasi, ma il montaggio delle attrazioni di Alex Infascelli associa le parole del sacerdote al ventilato passaggio del capitano della Roma al Real Madrid. È la scena più bella di Mi chiamo Francesco Totti, documentario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Ho rischiato la carriera per colpa di Fantastico e delle donne-lombrico”

prev
Articolo Successivo

Avati tutta, Pupi e la figlia Mariantonia si sfidano in libreria: il diavolo e l’acqua santa

next