Ho insegnato per più di 15 anni nella regione parigina, in diverse scuole medie di una periferia dove la violenza sociale è sempre all’ordine del giorno. E so bene quanto è importante sforzarsi ogni giorno di spiegare. Spiegare non significa giustificare, né significa provocare. Pensare la violenza, pensare il male, il terrore politico, pensare l’islamismo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il rifugiato e la caccia al professore che aveva “sporcato” Maometto

prev
Articolo Successivo

Quel network ceceno all’assalto dell’Europa

next