“È per una porta sola, appena socchiusa per un momento, che deve insinuarsi il futuro” (André Gide). È invece un Colosseo, o un arco di Costantino, il Futuro della mostra allestita a Vicenza da Luca Beatrice (già curatore del bulimico Padiglione Italia alla Biennale 2009) e Walter Guadagnini. Non diremo qui né della grafica del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Si può uccidere per un tatuaggio giapponese: giallo anni 50 a Tokyo

prev
Articolo Successivo

Achille, feroce e vulnerabile (nel tallone e pure un po’ nel cuore)

next