Non so dire se Il danzatore dell’acqua di Ta-Nehisi Coates (Einaudi) vada considerato un grande romanzo dal punto di vista letterario, per quanto avvincente sia la sua trama, ma poco importa. Perché leggendolo, ciò che più conta, ho avuto la netta impressione di misurarmi con un’opera classica, di quelle che restano a fondamento di una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Salire in montagna evitando le balle

prev
Articolo Successivo

Con un “Time” così non si perde tempo. Un Oscar lo aspetta – Time

next