Nessun essere umano è un’isola. Anzi, non esistono isole, ci sono solo arcipelaghi o continenti. E quando un’isola è davvero lontana da tutto, può anche crescervi una grande civiltà, ma condannata a crollare su se stessa: fu questo il destino dell’Isola di Pasqua. Anche fra le comunità umane, quel che ne fa la tessitura e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Addio Carla, antifascista anche dal letto d’ospedale

prev
Articolo Successivo

La vite agra: il prosecco s’è bevuto la poesia veneta

next