I disastri del credito contengono sempre uno spaccato dell’ipocrisia della classe dirigente. Quello della Popolare di Bari non è da meno. È stata commissariata a dicembre 2019 e salvata con 900 milioni di soldi pubblici iniettati dal Mediocredito centrale (Mcc), banca della pubblica Invitalia, che fa capo al ministero dello Sviluppo ma è controllata dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Sfruttati e senza sindacati: la rivolta dei programmatori

prev
Articolo Successivo

L’agonia di Big Oil mette a rischio gli equilibri mondiali

next